Osteopatia Pediatrica

Commpclinic-slide (2)

Osteopatia Pediatrica: di certo tra le più importanti aree e riconosciuti campi applicativi dell’osteopatia, si rivolge al bebè e a tutta la sua età evolutiva. Già nella vita intrauterina (prima del parto) il neonato può subire dei condizionamenti: come la posizione intrauterina, una malattia della madre durante la gravidanza, come anche situazioni emotive durante la gravidanza, o più semplicemente dolori della madre di tipo muscoloscheletrico (tipo una lombalgia), viscerale o sistemico… ciò spesso implica che le strutture coinvolte non si adattino perfettamente a questa nuova situazione e non riescano a compensare i continui cambiamenti necessari che richiede la crescita del neonato per l’adattamento fisico della madre alla crescita del feto. In parole più semplici il bacino che deve subire importanti modificazioni come anche la posizione degli organi addominali e pelvici, non predisponendosi nella miglior condizione per affrontare sia la gestazione che il parto, può causare compressioni anomale o asimmetriche sul neonato ancor prima che nasca. Questo fenomeno adattativo è ancor più evidente durante la fase del parto-travaglio, in cui le ossa craniche del bambino vengono sottoposte a molte compressioni e trazioni, l’utero sponge, le ossa pelviche della madre modificano la loro posizione ecc… e anche questa fase è estremamente importante ma può causare anch’essa, soprattutto in caso di imprevisti, cattivi adattamenti nelle ossa craniche del bambino e non solo. Quindi specifiche situazioni come presentazione podalica, travaglio lungo, primo parto, parto difficile, parto gemellare, anestesia epidurale, anomalie uterine, uso di forcipe o ventosa, uso di ossitocina, parto cesareo ecc… possono essere fattori di rischio per disturbi somatici, anche se in natura il bambino ha innate capacità di guarigione e di adattamento. Con l’osteopatia pediatrica si è in grado di porre rimedio a questi eventi e disturbi somatici.